Amis de la Micóoula

Chi siamo e cosa facciamo

Amis de la Micóoula è un’associazione nata nel 2008 da un gruppo di giovani di Hône che, attraverso la rivalutazione della Micóoula, il classico pane nero a base di farina di segale, noci, castagne, fichi e uvetta, punta a un obiettivo più vasto.

Esso comprende la riscoperta di una ricca tradizione locale, il recupero dei campi e degli edifici rurali – come i mulini, i forni, gli essicatoi – la rivalutazione dei villaggi, il ritorno dei giovani alle origini e soprattutto il coinvolgimento di tutta la comunità in un progetto legato al territorio.

Si profila, fra l’altro, l’ambiziosa proposta di ammettere la Micóoula nel novero dei prodotti DOP.

coltivazioneSegale

Il pane tipico

La Micóoula di Hône

Il procedimento di produzione, rigorosamente manuale, dalla semina, al raccolto, alla battitura, la macinazione al mulino del paese, l'impasto e la cottura al forno, rendono questo prodotto unico nel suo genere e nella sua bontà.

La Micóoula

Che cos'è e come viene prodotta?

L’origine della Micóoula si perde nel tempo, non si conosce di precisione l’anno in cui venne prodotta esattamente. Gli anziani che hanno di generazione in generazione tramandato questo prodotto, raccontano di un pane nero a cui venivano aggiunte castagne, uvetta, fighi e altri prodotti della natura per renderlo più ricco da consumarsi nel periodo di festa. Era l’antesignano del moderno panettone natalizio.

Gli ingredienti della Micóoula

 

La Micóoula, il pane tipico del Comune di Hône. Prodotto artigianalmente dai ragazzi dell’Associazione  Amis de la Micóoula. Un pane nero povero, ma arricchito con i prodotti del territorio come castagne, fichi e uvetta.

Farina di frumento

La farina di frumento nasce dalla macinatura delle spighe di frumento. Il frumento è un cereale di antichissima coltura. Coltivato nei territori di Hône, il frumento viene seminato in autunno e raccolto tra  giugno e luglio. Tramite la mietitura viene tagliata la pianta e successivamente si procede con la separazione dei chicchi dalla paglia e la pula.

Farina di segale

La segale appartiene al gruppo dei cereali e assomiglia al più noto frumento o grano. La pianta di segale predilige un clima freddo e proprio per questo è di facile semina nei territori valdostani. Un tempo era abitudine preparare il pane con la farina di segale. Si otteneva così un pane nero, per la tonalità bruno scura della segale, destinato principalmente all’alimentazione popolare.

Uvetta

L’uva sultanina ha degli acini più piccoli rispetto all’uva da vino e non presenta chicchi all’interno. Una volta essiccata assume un aspetto dorato. L’uva sultanina è molto nutriente e ricca di zuccheri: l’ingrediente perfetto per arricchire un pane povero.

Castagne

I castagneti popolano i boschi della Valle d’Aosta e la raccolta autunnale delle castagne è ormai tradizione da molti anni. Le castagne possono essere utilizzate per varie piatti come zuppe, per torte oppure possono essere macinate per farne farina. Nella Micóoula vengono aggiunte a pezzi come farcitura dell’impasto.

Fichi

Il fico è una pianta resistente, che si adatta a tutti i tipi di clima e territorio, e per tanto riesce a crescere anche sul territorio più freddo della Valle d’Aosta. Sono frutti succosi e molto dolci, che si conservano essiccati per un periodo più o meno lungo. Come le castagne, anche i fichi vengono aggiunti nell’impasto della Micóoula.

Noci

La noce è un frutto secco con un seme (raramente due) contenuto in un pericarpo legnoso o coriaceo. Si può dire che è un frutto autoctono del territorio valdostano, e utilizzano nel passato per la raccolta delle noci, ma anche usato dagli artigiani per fare sculture e mobilia di alto livello.

La Micóoula

Che cos'è e come viene prodotta?

L’origine della Micóoula si perde nel tempo, non si conosce di precisione l’anno in cui venne prodotta esattamente. Gli anziani che hanno di generazione in generazione tramandato questo prodotto, raccontano di un pane nero a cui venivano aggiunte castagne, uvetta, fighi e altri prodotti della natura per renderlo più ricco da consumarsi nel periodo di festa. Era l’antesignano del moderno panettone natalizio.

Gli ingredienti della Micóoula

 

La Micóoula, il pane tipico del Comune di Hône. Prodotto artigianalmente dai ragazzi dell’Associazione Amis de la Micóoula. Un pane nero povero, ma arricchito con i prodotti del territorio come castagne, fichi e uvetta.

Farina di frumento

La farina di frumento nasce dalla macinatura delle spighe di frumento. Il frumento è un cereale di antichissima coltura. Coltivato nei territori di Hône, il frumento viene seminato in autunno e raccolto tra  giugno e luglio. Tramite la mietitura viene tagliata la pianta e successivamente si procede con la separazione dei chicchi dalla paglia e la pula.

Farina di segale

La segale appartiene al gruppo dei cereali e assomiglia al più noto frumento o grano. La pianta di segale predilige un clima freddo e proprio per questo è di facile semina nei territori valdostani. Un tempo era abitudine preparare il pane con la farina di segale. Si otteneva così un pane nero, per la tonalità bruno scura della segale, destinato principalmente all’alimentazione popolare.

Uvetta

L’uva sultanina ha degli acini più piccoli rispetto all’uva da vino e non presenta chicchi all’interno. Una volta essiccata assume un aspetto dorato. L’uva sultanina è molto nutriente e ricca di zuccheri: l’ingrediente perfetto per arricchire un pane povero.

Castagne

I castagneti popolano i boschi della Valle d’Aosta e la raccolta autunnale delle castagne è ormai tradizione da molti anni. Le castagne possono essere utilizzate per varie piatti come zuppe, per torte oppure possono essere macinate per farne farina. Nella Micóoula vengono aggiunte a pezzi come farcitura dell’impasto.

Fichi

Il fico è una pianta resistente, che si adatta a tutti i tipi di clima e territorio, e per tanto riesce a crescere anche sul territorio più freddo della Valle d’Aosta. Sono frutti succosi e molto dolci, che si conservano essiccati per un periodo più o meno lungo. Come le castagne, anche i fichi vengono aggiunti nell’impasto della Micóoula.

Noci

La noce è un frutto secco con un seme (raramente due) contenuto in un pericarpo legnoso o coriaceo. Si può dire che è un frutto autoctono del territorio valdostano, e utilizzano nel passato per la raccolta delle noci, ma anche usato dagli artigiani per fare sculture e mobilia di alto livello.

La Micóoula

Come nasce la Micóoula....

In ottobre avviene la semina nella quale la semenza viene distribuita a spaglio su tutto il terreno. In seguito la si ricopre con qualche centimetro di terra. In primavera vi è il massimo accrescimento della pianta, che durante l’estate raggiunge la colorazione dorata, degno dell’avvenuta conclusione della maturazione della segale del frumento.

Dopo un breve periodo di essiccazione i fasci vengono aperti per essere battuti. Posti su di un tavolato di legno vengono ripetutamente percossi con l’aiuto di appositi bastoni detti “manévròou”. I semi così fuoriusciti dalla spiga vengono messi nel van per essere separati da ulteriori impurità.

Anche gli altri ingredienti come le castagne vengono fatti essiccare nelle “grehhi” con l’aiuto del fumo. Fichi e uvetta vengono lasciati essiccare appesi in solai ben ventilati. I semi di segale e frumento vengono macinati nei mulini e da queste si ricavano le rispettive farine.

L’accensione del forno si effettua una settimana prima per permettere a questo di poter raggiungere la temperatura idonea, senza compromettere il corretto funzionamento di esso. L’impasto si prepara mescolando farina di segale e frumento con acqua e sale. All’impasto si unisce il lievito e lo si lascia riposare per circa un’ora. Si aggiungono poi gli altri ingredienti. Si informa e si lascia cuocere per circa un’ora e mezza.

Come nasce la Micóoula....

In ottobre avviene la semina nella quale la semenza viene distribuita a spaglio su tutto il terreno. In seguito la si ricopre con qualche centimetro di terra. In primavera vi è il massimo accrescimento della pianta, che durante l’estate raggiunge la colorazione dorata, degno dell’avvenuta conclusione della maturazione della segale del frumento.

Dopo un breve periodo di essiccazione i fasci vengono aperti per essere battuti. Posti su di un tavolato di legno vengono ripetutamente percossi con l’aiuto di appositi bastoni detti “manévròou”. I semi così fuoriusciti dalla spiga vengono messi nel van per essere separati da ulteriori impurità.

Anche gli altri ingredienti come le castagne vengono fatti essiccare nelle “grehhi” con l’aiuto del fumo. Fichi e uvetta vengono lasciati essiccare appesi in solai ben ventilati. I semi di segale e frumento vengono macinati nei mulini e da queste si ricavano le rispettive farine.

L’accensione del forno si effettua 5 giorni prima in modo graduale per permettere a questo di poter raggiungere la temperatura idonea senza compromettere il suo funzionamento negli anni. L’impasto si prepara mescolando farina di segale e frumento con acqua e sale. All’impasto si unisce il lievito e lo si lascia riposare per circa un’ora. Si aggiungono poi gli altri ingredienti. Si informa e si lascia cuocere per circa un’ora e mezza.

IMG_1214

coming soon 2019..

24° Festa della Micóoula

Prodotti enogastronomici e artigianali della tradizione valdostana, cena a km0, cena di pesca e serate danzanti.

IMG_1205

La Micóoula è un pane di segale e frumento, che si differenzia dal comune pane nero per la presenza altri ingredienti tipici come castagne, noci, fichi secchi, uva passa.

Il mercatino, evento principale della festa della Micóoula, si svolge l’ 8 dicembre, dal mattino. Durante la giornata gli abitanti di Hône propongono dimostrazioni di impasto e cottura del pane.

Il mercatino è composto sia da bancarelle enogastronomiche, sia da prodotti tipici dell’artigianato valdostano.

A contornare i giorni dell’8 dicembre, vengono organizzate serate danzanti, cene di prodotti tipici a km0 o cene a tema, quali l’ormai tradizionale cena di pesce.

Per la 24° edizione della Festa (2019), gli Amis de la Micóoula hanno pensato ad un programma tutto nuovo.tenetevi aggiornati sul sito

Ecco che altro fanno gli amis de la Micòoula

Gli Amis de la Micóoula si occupano anche di altre attività, come la coltivazione di patate, la pulizia del territorio e la collaborazione con le altre attività del Comune di Hône per l’organizzazione di eventi e manifestazioni.

Patate

Coltivazione di patate

Durante l’anno, oltre alla semina della segale e del frumento per la Micóoula, ci occupiamo anche di coltivare patata per i nostri compaesani.

Coltiviamo patate gialle e rosse nella campagna di Hône, mantenendo così puliti e attivi dei territori inutilizzati.

 

Nel mese di settembre raccogliamo le patate, le insacchettiamo e le usiamo durante la festa.

Patate

Coltivazione di patate

Durante l’anno, oltre alla semina della segale e del frumento per la Micóoula, ci occupiamo anche di coltivare patata per i nostri compaesani.

Coltiviamo patate gialle e rosse nella campagna di Hône, mantenendo così puliti e attivi dei territori inutilizzati.

Nel mese di settembre raccogliamo le patate, le insacchettiamoe le usiamo durante la festa

Territorio

Pulizia del territorio

Ci occupiamo anche della pulizia del territorio di Hône e delle sue frazioni. Ne approfittiamo per raccogliere la legna che utilizziamo per accendere il forno o per avere dei buoni territori dove seminare frumento e segale.

Territorio

Pulizia del territorio

Ci occupiamo anche della pulizia del territorio di Hône e delle sue frazioni. Ne approfittiamo per raccogliere la legna che utilizziamo per accendere il forno o per avere dei buoni territori dove seminare frumento e segale.

Territorio

Raccolta delle castagne

 

Nel mese di ottobre provvediamo a raccogliere le castagne nei dintorni di Hône, che ci serviranno poi durante l’anno per fare la Micóoula.

Una volta raccolte le castagne, bisogna provvedere ad essiccarle, dunque vengono distese su griglie sospese garantendo una corretta ventilazione.

ogni settimane vengono mescolate per rendere l’essiccazione omogenea.

Dopo circa 40 giorni le castagne saranno secche, dunque andranno pulite, privandole della buccia superiore e dalla pellicola rosso–bruna detta pula (pelosa).

Questo procedimento può essere fatto a mano, battendo prima le castagne dentro un sacco, e poi con l’uso di un coltello pulire le impurità rimaste.

Oppure viene eseguito con l’aiuto di macchine apposite.

Territorio

Raccolta delle castagne

Nel mese di ottobre provvediamo a raccogliere le castagne nei dintorni di Hône, che ci serviranno poi durante l’anno per fare la Micóoula.

Una volta raccolte le castagne, bisogna provvedere ad essiccarle, dunque vengono distese su griglie sospese garantendo una corretta ventilazione.

ogni settimane vengono mescolate per rendere l’essiccazione omogenea.

Dopo circa 40 giorni le castagne saranno secca, dunque andranno pulite, privandole della buccia superiore e dalla pellicola rosso–bruna detta pula (pelosa).

Questo procedimento può essere fatto a mano, battendo prima le castagne dentro un sacco, e poi con l’uso di un coltello pulire le impurità rimaste.

Oppure viene eseguito con l’aiuto di macchine apposite.

Social

Seguiteci su Instagram e su Facebook

Vi aggiorneremo con tutte le novità sulle nostre attività e sulla Festa della Micóoula

Social

Seguiteci su Instagram e su Facebook

Vi aggiorneremo con tutte le novità sulle nostre attività e sulla Festa della Micóoula

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi